IL PORTALE LIBERO VOLO O.N.L.U.S. PER LE ACI


 
IndicePortaleCalendarioGalleriaFAQCercaRegistratiLista UtentiGruppiAccedi

Condividi | 
 

 Trattato di Lisbona e Nuovo Ordine Mondiale

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Francesco B.
Amministratore
Amministratore
avatar

Maschio
Numero di messaggi : 231
Età : 45
Localizzazione : Aci Catena
Occupazione/Ozio : Libero Professionista
Data d'iscrizione : 19.08.07

MessaggioTitolo: Trattato di Lisbona e Nuovo Ordine Mondiale   Mer Giu 11, 2008 3:07 pm

Domani,
giovedì 12 giugno 2008, in Irlanda il popolo (sovrano) voterà con
referendum la ratifica del Trattato di Lisbona.
Se passerà il SI, il Governo Mondiale sarà sempre più vicino, se
invece passerà il NO, ed è quello che tutti ci auguriamo, i
mondialisti riceveranno una battuta d'arresto.[/size]

Perché
no al trattato di Lisbona
"E’
la forma più
assoluta di totalitarismo"
di Ida Magli – tratto da “Il Giornale”, 7 Giugno 2008

In questi giorni, con la ratifica da parte del Parlamento italiano del
cosiddetto Trattato di Lisbona, si porrà fine definitivamente
all'esistenza delle Nazione Italia. E mano a mano si porrà fine
all'esistenza di quasi tutte le altre nazioni in Europa. Non bisogna
sorprendersi del silenzio che accompagna l'atto più importante che sia
mai stato compiuto dal 1870 con il Regno d'Italia. È un silenzio che
non è dovuto soltanto al volere dei governanti, ben sicuri fin
dall'inizio dell'operazione “Unione europea“ che bisognava tenerne
all'oscuro il più possibile i cittadini, ma anche alla obiettiva
difficoltà per i giornalisti di fornire informazioni e tanto meno
spiegazioni di un progetto che esula da qualsiasi concetto di «politica“.
Il Trattato di Lisbona è infatti una «visione del mondo»
universale, una teologia dogmatica con le sue applicazioni pratiche, la
forma più assoluta di totalitarismo che sia mai stata messa in atto.
Come potrebbero i giornalisti istruire con poche parole milioni di
persone sulla metafisica di Kant? Eppure c'è quasi tutto Kant, inclusa
la sua proposta per la Pace Perpetua, nel progetto dell'Unione europea. Ma c'è anche molto Rousseau, molto Voltaire, molto Marx, con in più quello che Tremonti definisce «mercatismo»: l'assolutizzazione del mercato.
La falsificazione dei significati linguistici accompagna fin dall'inizio
l'operazione europea: quello che viene firmato non è affatto un
Trattato e non è neanche una «Costituzione», come era stato chiamato
prima che i referendum popolari lo bocciassero. È la proclamazione di
una religione universale, accompagnata in tutti i dettagli dagli
strumenti coercitivi verso i popoli e verso le singole persone per
realizzarla. È il passo fondamentale, dopo averlo costituito in
Europa, per giungere alla meta prefissata: il governo mondiale.
Posso indicare in questo breve spazio soltanto alcuni degli
strumenti preordinati:

A) Il sincretismo fra le varie religioni e fra i vari
costumi culturali. Un sincretismo che verrà raggiunto con lo
spostamento di milioni di persone e smussando tutte le differenze
attraverso il «dialogo». Discendono da questa precisa volontà dei
governanti le ondate immigratorie che stanno soffocando l'Europa
d'occidente. Si tratta di decisioni di forza, prese a tavolino: se
nasceranno reazioni o conflitti, come di fatto sono già nati,
provvederanno le schedature biometriche, la polizia e il tribunale
europeo a eliminarli.

B) Il governo concentrato in poche persone, quasi
sconosciute ai cittadini, mentre diventano sempre più pleonastici i
parlamenti nazionali. Il parlamento europeo, infatti, tanto perché
nessuno possa obiettare in seguito che non aveva capito, è stato
istituito fin dall'inizio privo di potere legislativo. Pura finzione al
fine di gettare polvere negli occhi ai cittadini e tenere buoni con
ricche poltrone i residui pretendenti al potere nell'impero fittizio.

C) Nella sua qualità di fase di passaggio verso il governo
mondiale, l'Europa deve essere debolissima, come infatti sta diventando.
Per ora qualcuno lo nota a proposito dell'economia e della ricerca
(ricerca significa intelligenza), ma presto sarà chiaro a tutti
l'impoverimento intellettuale e affettivo di popoli costretti a perdere
la propria identità, la propria «forma» in ogni settore della vita.
In Italia la perdita è più grave per il semplice motivo che gli
italiani sono i più ricchi di creatività. Di fronte al vuoto di
qualsiasi ideale e di qualsiasi futuro, i giovani si battono per quelli
vecchi inesistenti, oppure «si annoiano». Vi si aggiungono con uguale
impoverimento i milioni di immigrati, anch'essi sradicati dalla loro
identità e gettati nel crogiolo della non-forma.

Si tratta di conseguenze ovvie, perseguite con ostinazione
durante il passare degli anni sia dai fanatici credenti nella religione
universale che da coloro che se ne servono per assolutizzare il proprio
potere. Ci troviamo di fronte a quello che i poeti tedeschi
individuavano chiaramente durante il nazismo come «il generale
naufragio dello spirito». Seppellire le nazioni per paura del
nazionalismo significa provocare di nuovo il generale naufragio dello
spirito. Significa che alla fine Hitler ha vinto.

Ida Magli


Roma, 24 Maggio 2008
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://www.liberovolo.forumattivo.com
Francesco B.
Amministratore
Amministratore
avatar

Maschio
Numero di messaggi : 231
Età : 45
Localizzazione : Aci Catena
Occupazione/Ozio : Libero Professionista
Data d'iscrizione : 19.08.07

MessaggioTitolo: Re: Trattato di Lisbona e Nuovo Ordine Mondiale   Mer Ago 27, 2008 7:31 am

IL VERO VOLTO DEL TRATTATO DI LISBONA: UNA DITTATURA CHE NEMMENO HITLER E STALIN AVREBBERO SOTTOSCRITTO.
di Nicolò Stenone

I potenti dell'Europa si
mostrano indignati e offesi perché la voce del popolo irlandese (che
nulla conta davanti alla loro volontà di onnipotenza) si è espressa
democraticamente contro il trattato di Lisbona, così come nel passato
la saggezza del popolo francese e olandese si espresse contro
l'approvazione della costituzione europea. I super burocrati che
pretendono di mettere in ginocchio, in nome dell'U.E., tutti gli Stati
membri a un solo cenno del loro comando, rifiutano drasticamente questo
nuovo smacco, impedendo che altre Nazioni esprimano democraticamente il
loro voto, perché hanno ben capito che la gente comune, i lavoratori
con mutuo casa, i cittadini fedeli alle loro tradizioni...non vogliono
l'Unione Europea perché la sentono solo come imposizione dall'alto e
come peso per le proprie tasche.
Ma la precarietà della
situazione economica, resa ancora più difficile dal caro petrolio
voluto dal mondo arabo per piegare l'occidente, è solo un aspetto della
deriva a cui sta andando la nuova Europa, tutta protesa all'insegna del
relativismo e della dittatura più pericolosa, perché subdola.
L'Unione Europea appena
insediata, quasi non ci fossero problemi più urgenti e gravi, ha fatto
approvare le unioni omosessuali con adozioni di poveri bambini
indifesi.
Ha volutamente ignorato la cultura cattolica senza mai menzionarla nella costituzione.
Ha sanzionato con pesanti multe agricoltori e affini colpevoli di aver lavorato troppo.
Ha imposto ai suoi 27 stati
membri di rendere legale l'aborto come "diritto giuridico della donna"
a scapito del diritto alla vita del bambino, incentivando anche il
diritto all'eutanasia.
Ha penalizzato l'obiezione di coscienza nei confronti dell'aborto e dell'omosessualità.
Ha inventato la cosiddetta
"identità di genere" per spazzare via l'evidenza dei due sessi,
maschile e femminile, allo scopo di legalizzare qualunque tendenza
fuorviante.
Ha incentivato ogni tipo di ricerca sugli embrioni, compresa quella fra uomo e animale.
Ha proibito di manifestare
pubblicamente la propria fede religiosa con sentenza del 21.2
diffidando la Chiesa dall'esercitare il suo ministero esterno, quale ad
esempio la benedizione pasquale delle case ecc.. In seguito vedremo
quale altra proibizione ci verrà imposta...
Come se tutto ciò non
bastasse adesso ci impone il misterioso TRATTATO DI LISBONA che
annullerà col tempo tutte le Costituzioni dei singoli Stati,
sostituendosi ad esse, in modo tale che a nulla varranno col tempo le
nostre leggi interne, comprese quelle riguardanti temi etici e sociali.
È il crollo del primordiale diritto alla democrazia, alla libertà e alla sovranità nazionale.
Praticamente vogliono
cancellare le singole identità delle Nazioni ricche del loro patrimonio
culturale, artistico, storico, religioso ecc. legato anche alle singole
tradizioni millenarie, per imporre un'unica costituzione che non
rispetta assolutamente né l'identità dell'Europa nè dei singoli Stati,
ma oltretutto lo fanno in maniera subdola, larvata, per impedire che
gli europei usino il cervello e si pronuncino sul loro futuro chiedendo
di essere interpellati e documentati mediante un referendum.
Pagare i politici europei perché ci facciano schiavi della dittatura è il colmo.


Nicolò Stenone
20 Luglio 2008
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://www.liberovolo.forumattivo.com
 
Trattato di Lisbona e Nuovo Ordine Mondiale
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» ANTEPRIMA! NUOVO VIDEO "DAL CARAVAGGIO" Rimini
» Nuovo carro Tamiya
» Campionato Mondiale Naviga a Dortmund
» [libro e film] Harry Potter e l'Ordine della Fenice (di J. K. Rowling e D. Yates)
» Olio nuovo

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
IL PORTALE LIBERO VOLO O.N.L.U.S. PER LE ACI :: Cultura e società :: La giusta informazione-
Vai verso: